Monte Orlando

Monte Orlando

le falesie

Scopri
Monte Orlando

Monte Orlando

Mausoleo Lucio Munazio Planco

Scopri
Buone Feste

Buone Feste

Scopri
CARNEVALE A GAETA

CARNEVALE A GAETA 11 e 13 febbraio

Scopri
PAGINE DI STORIA

PAGINE DI STORIA Sui passi dei Borbone

Scopri
Bolshoi Ballet Academy

Bolshoi Ballet Academy La tappa internazionale a Gaeta!

Scopri
PASSIONI

PASSIONI Sacre rappresentazioni

Scopri
Gaeta conquista la "Bandiera Verde 2018"!

Gaeta conquista la "Bandiera Verde 2018"! Spiagge a dimensione di bambino.

Scopri
500 DAY: domenica 6 maggio a Gaeta il quarto raduno dei cinquini d’epoca

500 DAY: domenica 6 maggio a Gaeta il quarto raduno dei cinquini d’epoca

Scopri
Gaeta Bandiera Blu 2018

Gaeta Bandiera Blu 2018

Scopri
@Gaeta5Sensi

@Gaeta5Sensi Progetto di Destination Marketing

Scopri
Gaeta

Gaeta il castello Angioino ed Aragonese

un museo a cielo aperto

Scopri
Gaeta

Gaeta Campanile Cattedrale S. Erasmo

Un paese di storia e arte

Scopri

Tessere la speranza

Visite guidate alla mostra a cura di Enrico Ranaldi e Maria Grazia Bottoni

visite-vol

sabato 12 agosto ore 21.30:
La bellezza salverà il mondo
Papa Francesco ha dato una speciale importanza alla trasmissione della fede cristiana attraverso la bellezza: non basta che il messaggio sia buono e giusto, deve essere anche bello

sabato 19 agosto ore 21.30:
L’uomo che si esprime artisticamente coglie qualcosa di Dio Paolo VI
Opere di grande valore artistico: eco della storia e della tradizione

sabato 26 agosto ore 21.30:
Ut in omnibus glorificetur Deus
Un’arte corale che diventa un canto di lode per la gloria del Signore

si accede con il biglietto del museo

Temi visite guidate 
visita guidata il 12 di agosto
 “La bellezza salverà il mondo”
I greci ci hanno lasciato una grande eredità: ogni essere è unum, verum et bonum, perché si mostra così come di fatto è; buono, perché svolge bene il suo compito insieme agli altri aiutandoli a esistere e a coesistere.
Più tardi nel medioevo i padri della chiesa e specialmente San Bonaventura che, prolungando una tradizione venuta da Dionigi Areopagita e da Sant’Agostino, hanno aggiunto all’essere un’altra caratteristica trascendentale: pulchrum, cioè bello. Certamente S. Francesco che aveva cantato le bellezze del creato attraverso l’esperienza personale, ha arricchito la nostra comprensione dell’essere con la dimensione della bellezza.
Uno dei grandi estimatori della bellezza è stato Fiodor Dostoevskij. La bellezza era così centrale nella sua vita, ci racconta Anselm Grun, monaco benedettino e grande spiritualista, nel suo ultimo libro “Bellezza: una nuova spiritualità della gioia di vivere” (Vier Turne Verlag 2014) che il grande romanziere russo andava almeno una volta all’anno a vedere la bellissima Madonna Sixtina di Raffaello. Rimaneva a lungo in contemplazione davanti a quella splendida figura. Questo fatto è sorprendente, dato che i suoi romanzi penetrano nelle zone più oscure e perfino perverse dell’animo umano. Ma quello che lo spingeva, in verità, era la ricerca della bellezza, e per questo ci ha lasciato la famosa frase: “La bellezza salverà il mondo” che appare nel libro “L’idiota”. Per Dostoevskij il contrario di “bello” non era “brutto” ma utilitaristico, lo spirito di usare gli altri e così rubar loro la dignità. Bellezza è più che estetica; possiede una dimensione etica e religiosa. Papa Francesco ha dato speciale importanza alla trasmissione della fede cristiana attraverso la via Pulchritudinis (la via della bellezza). Non basta che il messaggio sia buono e giusto. Deve essere anche bello, perché solo così arriva al cuore delle persone e suscita l’amore che attrae, (Esortazione La gioia del Vangelo, n.°167). 

visita guidata il 19 agosto
 “L’uomo che si esprime artisticamente coglie qualcosa di Dio “ Paolo VI
Gli abiti delle Madonne sono opere di grande valore srtistico , attraverso cui si sente l’eco della storia e della tradizione religiosa. Si scopre lungo il percorso della mostra un connubio tra fede e bellezza, valori religiosi ed estetici, leggi morali e regole della creatività.

visita guidata il 26 agosto
 “Ut in omnibus glorificetur Deus”
Gli abiti esposti nella mostra “Tessere la speranza” possono essere considerati opere di un’arte corale, che diventa un canto di lode per la gloria del Signore. L’uomo attraverso le sue mani plasma materiali  manufatti per esprimere il suo legame con il divino, ricami e tessuti pregiati esprimono la ricerca del desiderio di creare opere uniche e irripetibili. Esse diventano simbolo di una rinascita, mostrando ancora il loro antico splendore.